By Redazione 29 Maggio 2020 In Intervista alle aziende di Basilicata Creativa

La Basilicata primeggia nelle tecnologie digitali

L’azienda Digital Lighthouse pioniera dei nuovi linguaggi di fruizione culturale

Intervista al CEO Davide Colangelo

Grazie alla Digital Lighthouse, azienda leader nel panorama nazionale e internazionale, la Basilicata primeggia nelle tecnologie digitali. Tra queste edutainment, gamification, serious game, interattività, realtà virtuale e aumentata, che sono le nuove frontiere e i nuovi linguaggi di fruizione culturale.

Digital Lighthouse significa “Faro Digitale” ma è anche il nome del primo laser scanner testato durante il progetto di ricerca da cui è nata la società, la cui mission è quella di integrare differenti tecnologie di rilievo e di elaborazione dei dati per fare computer grafica applicata.

L’archetipo dell’utente come fruitore passivo delle informazioni è superato: adesso l’utente deve essere coinvolto attivamente nell’esperienza narrativa.

Lo showreel 2019 di Digital Lighthouse

Una rivoluzione tecnologica e culturale

Intelligenza artificiale, machine learning, capacità computazionale, 5G, cloud, robotica, domotica, circular economy sono modelli e tecnologie sempre più presenti nella vita di tutti i giorni.

Negli ultimi 5-10 anni, i trend tecnologici hanno invaso i mercati globali, in tutti i settori, muovendo il pianeta verso nuovi standard e nuovi modelli di business che stanno rivoluzionando il modo di vivere e di lavorare.

Un altro segnale della rivoluzione in atto è rappresentato dalla profonda metamorfosi delle nostre abitudini quotidiane. Per i 3 miliardi di persone connesse ad internet la rete è diventata parte integrante del loro ambiente vitale.

Nei primi 15 anni del nuovo millennio, le informazioni registrate in formato digitale sono passate dal 25% al 98%. L’accesso alla conoscenza è quindi una questione quasi totalmente digitale.

In questo contesto assistiamo al ridisegno dei linguaggi creativi in risposta a modelli ormai obsoleti: brand privati e istituzioni sono chiamati a creare esperienze multisensoriali nel mondo digitale e virtuale, per raccontarsi e promuoversi.

I primi passi in questa direzione sono i progetti Smart City, che puntano a mettere in relazione e in connessione sistemi tecnologici, infrastrutturali e ambientali con il capitale umano che li abilita e in alcune realtà del mondo sono già diventate pratiche consolidate e molto evolute.

Chi è “Digital Lighthouse”? 

Digital Lighthouse è una Entertainment & Media House che opera nel settore Cinematografico, dei Beni Culturali e dei Videogiochi.

Siamo specializzati nella produzione di

  • prodotti audiovisivi,
  • effetti visivi digitali,
  • ricostruzioni e simulazioni virtuali,
  • videogiochi,
  • applicazioni software e mobile per l’Industria Culturale e Creativa.

La sede di Digital Lighthouse è composta da Teatri di Posa, equipaggiati con le più recenti tecnologie presenti sul mercato e laboratori dedicati alle attività di video editing, color correction, recording, computer grafica e sviluppo di software e prodotti multimediali.

Il cuore pulsante della società è rappresentato dai numerosi colleghi e professionisti che rendono possibile la gestione dell’ecosistema e lo sviluppo delle soluzioni tecniche, artistiche e creative che proponiamo sul mercato nazionale e internazionale.

Quali sono i prodotti innovativi su cui sta puntando l’azienda?

L’azienda è tra i leader italiani nella produzione di contenuti VR e AR, nello sviluppo di esperienze immersive e di contenuti multimediali.

Alcuni dei principali progetti sono stati realizzati per realtà quali Scuderia Toro Rosso di Formula 1, RedBull, Total, Ansaldo, Armani, TIM, Enel, il Quirinale e la Fondazione Matera 2019.

Come state affrontando la ripresa nella fase POST-COVID?

Abbiamo investito molto per adeguarci alle misure anti-Covid e abbiamo cercato da subito di interpretare il fenomeno e i suoi effetti sul nostro mercato. Purtroppo i disagi causati finora dall’emergenza sanitaria potrebbero essere solo la punta dell’iceberg.

Serve impegnarsi ancora più di prima nell’adattare la propria offerta e proporre nuove soluzioni più rispondenti a necessità e vincoli formali del mercato, non è ormai solo un’azione per restare competitivi, ma la chiave per la sopravvivenza.    

Un consiglio/suggerimento per gli operatori pubblico/privati della Basilicata

Pensiamo che sia necessario che l’Europa, i governi nazionali e quelli locali lavorino in modo efficace ed orchestrato per sostenere i singoli operatori, snellendo e facilitando le procedure di accesso al credito, in particolare per le PMI e i liberi professionisti.

Leave a reply

it_IT
en_GB it_IT